mercoledì 19 gennaio 2011

"Viazè " di Raffaello Baldini


Una spettacolare poesia di Raffaello Baldini:


VIAZE’

“Mo viaza tè,mè a stag bèn do ch’a so,
ch’i vèn da fura, aquè,pu u i è Suièn,
Vròcc, la Pargàia ,ch’a n ‘i so mai stè
ma la Pargàia, gnenca tè? Mo ‘lòura
csa vèt zarchè vaièun, che me sno e’ lèt
furistir, e’ cuschi, che sa n’ò e’ mèi,
pu tòtt, t vè vèa se sòul, t’arèiv ch’e’ piòv
ta n cnòss niscèun, u t tòcca dmandè sèmpra
e al gambi quand l’è nòta ,vdài e’ mond?

Che dòp t ci piò pataca ca ne prèima,
mo me u m pis ènca i pòst ch’u n suzèd gnènt.
A cal zò te Mareccia,
un slèrg,t,vè do ch’u t pèr, e tott chi sas,
mo u i n’è ch’à di culèur,
i lèus,sott’aqua, quèstil’è al zità!
O a so balengh? E piò in là do burdèli
s’un gran maz ad fièur zal ,al rèid, al còrr,
a pi nèud,sòura i sas, mo cmè ch’al fa?”



Ma viaggia tu,io sto bene dove sono/che vengono da fuori, qui,poi c’è Sogliano/
Verucchio, Perticara;che non ci sono mai stato/a Perticara, neanche tu? Ma allora/
Cosa vai a cercare in giro, che io, solo il letto/forestiero,il cuscino,che se non ho il mio/
Poi tutto,vai via col sole, arrivi ce piove/non conosci nessuno, devi sempre chiedere,/
E le gambe, quand’è notte, vedere il mondo?/Che dopo sei più coglione di prima?/
Ma a me piacciono anche i posti dove non succede niente, calo giù nel Marecchia/
Uno slargo,vai dove ti pare, e tutti quei sassi /ma ce n’è che hanno dei colori,/
Rilucono, sott’acqua, queste sono le città!/O sono balengo? E più in là due bambine/
Con un gran mazzo di fiori gialli ridono, corrono,/a piedi nudi, sui sassi, ma come fanno?

2 commenti:

  1. ciao, Giovanna. amo molto le poesie di Baldini. Mi pare di sentire la sua dolce voce quando declamava i suoi versi...
    Copio e linko su Cristella, a presto ;)

    RispondiElimina
  2. Questa poesia è davvero spettacolare, e avrei potuto "scriverla" io nelle intenzioni (nel senso che in buona parte la condivido).

    RispondiElimina